Get a site
 


Salve a tutti,


mi sono collegata in fretta e furia dal negozio mentre aspettavo che il cliente davanti a me mi chiedesse qualcosa ed ecco leggo con la coda dell’occhio il post di Bea.


Devo dire che per un attimo mi si è fermato il cuore e mi sono detta “Oddio che cosa ho combinato!!!! E vedendo la lunghezza del post ho pensato “Devo averle fatta pure grossa!!”.


Scherzo ovviamente ;))) e il mio modo per rompere il ghiaccio.


Innanzi tutto quello che ho scritto sul “Thera” non voleva essere una critica ma se cosi è apparsa me ne scuso con Bea che mi sembra di capire sia il Capitano della nave e con tutti quelli che fanno parte dell’equipaggio.


 


“…E chissà perché, chissà percome, il tuo nome m’ha illuminato l’anima dal primo momento, tant’è che t’ho scritto subito…


“…Ecco, volevo dirti questo, che illumini, ricordalo. Sono molto poche le persone capaci di illuminare…”


E’ quando ho letto queste righe che ho veramente cominciato a sudare freddo….io illumino??? Ma che stai a scherzà (mia madre era di Roma, Bea non volevo farti il verso )


A parte tutto Bea dire che io illumino è un grosso complimento che mi ha spiazzato, e che non credo di possedere………..poi però una vocina dentro di me ha cominciato a dire “bè però……..internet finge…..viviamo una fiction universale………..(;))))))))))) visto mai che sia finita nella fiction(;))))))))


No penso che tu sia stata sincera, e questo mi lusinga anche se mi lascia sbalestrata, spero solo di riuscire simpatica a quanti mi leggono, e di farmi amici virtuali nuovi perché sono convinta che nella vita servano anche quelli, oltre che gli amici nella vita reale


Un ultima cosa; Dolcemilla è nato con uno schiocco di dita: serviva un alias ed è stato il primo che mi è venuto in mente (il secondo veramente)..non c’è né nome né cognome…


Baci a tutti, a presto


Milla (per gli amici)

    5 Responses

    1. Sì Milla, illumini.
      Il problema è che nella vita come nella fiction blogorroica difficilmente si dice la verità alle persone, soprattutto se la verità è BELLA!
      C’è un bieco trend attraverso il quale si inneggia a certa Verità che in quanto tale va detta comunque e dovunque, specie se orribile. E così si spara agli ammalati di cancro che loro purtroppo hanno il cancro e che però si cura e blabblabla al punto che alla fine questa gente, curabilissima a propria insaputa, s’ammazza e ammazza.
      E c’è l’odiosa, sadica abitudine ti dire alle persone la verità più cattiva, cioè se sei ingrassata, se ti sta male un vestito, tanto per cominciare, fino a finire col peggio e di più.
      Nessuno Milla, e mi capita da secoli ormai, nessuno che ti dica qualcosa che ti tiri su di morale, qualcosa che non sia bieco complimento o galanteria e che sia così facile a dirsi proprio perché Verità, pura e semplice Verità.
      Bellissime Verità che nessuno dice più a nessuno Milla.
      La mia condanna è che nel bene e nel male dico la verita, DolceMilla. Ma mentre tutti si sbrigano ad offendersi e a togliermi il saluto alla prima verità sgradevole, NESSUNO mi crede quando racconto alle persone la propria bellissima verità, il più delle volte interiore, quella che io amo e so cogliere fra tutto.
      E dunque neanche tu m’hai creduto, pazienza, ti ci abituerai alle mie verità.
      E comunque non m’ero offesa circa le critiche, te l’ho scritto: critica e diritto di replica sono il segno del rispetto, il vero fondamento della democrazia.
      T’abbraccio Milla, buon giorno a te se mi leggi, mentre tu apri il negozio io sto prendendo il primo caffè per… addormentarmi.
      Il mondo alla rovescia, by bea;)

    2. “mia madre era de Roma…”
      Perché “era” DolceMilla?
      Se n’è andata in giro per l’universo?
      A incontrare la mia?
      Avranno fatto amicizia, che dici?
      Tua madre Milla non “era” di Roma, lei E’ di Roma.
      Non si seppelliscono le persone Milla, ma le si tiene vive attraverso il ricordo.
      Parlaci di tua madre Milla, farà bene a te, a noi, a lei che ci ascolta.
      Con un sorriso
      bea;)

    3. Io ti credo, e mi piacerebbe che questa sia l’inizio di una belle amicizia…
      Circa mia madre hai ragione è di Roma, un tumore ce l’ha portata via tre anni fa ma vive nelle ricette che continuamo a fare, nelle canzoni di Mina che lei adora, un giorno ne scriverò…
      Baci
      Milla

    4. Vivrà nel ricordo dei suoi sorrisi e della sua sana follia che saprai trasmettere ai tuoi figli.
      Vivrà se ogni giorno t’incazzerai con lei e la maledirai scagliando contro i muri le sue foto in mille pezzi, accusandola di averti tradita andandosene.
      Vivrà se le sorriderai e le dirai: so che sei qui, illuminami la strada tu che sai.
      Vivrà se la racconterai a tutti noi.
      In un girotondo d’amore che nessuno tiene fuori e tutti ricomprende, apparentemente vivi, apparentemente morti.
      Noi, fiction dell’universo, siamo tutti vivi, tutti INSIEME.
      Buon giorno a te Dolce Milla.
      bea con amore;)

    5. Non ci passavo da secoli su questo blog, adorato Zu.
      Perché, come ho scritto più volte, non parlavo la stessa lingua dei tuoi commensali, né loro capivano la mia.
      Credo che sia vero: c’è un tempo per ogni cosa, un tempo per azzittire, un tempo per parlare.
      Oggi è il tempo di questa Tavolata Zu, oggi sento che è la mia Tavolata.
      Anzi, vado a scriverlo su post.
      Grazie Zu;)